Maggio 2024
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Il Go gioco preferito di anarchici e liberali seconda parte e la strategia & tattica

Diciassettesima puntata, 12 maggio 2014

Il Go gioco preferito di anarchici e liberali seconda parte

Negli anni 80 e 90, sia in Europa che in America, il Go non dipese piu’ da persone concrete per svilupparsi. Era ormai parte di una minoranza culturale, ma quel gruppo eccentrico e spesso erudito, quasi sempre associato alle universita’ e amante della tecnologia, stava diventando qualcosa di nuovo: stava nascendo la cultura degli hacker.
Quando nella seconda meta’ degli anni 90 internet apri’ le sue porte, il Go guadagno’ subito una grande visibilita’ poiche’ la percentuale di coloro che usavano il World Wide Web e che, contemporaneamente, sapeva giocare era di gran lunga superiore alla media della popolazione. Richard Bozulich, autore di alcuni libri sul Go, e’ un ottimo esempio di questa evoluzione. Dopo essersi laureato in matematica a UCLA, nel ’68 ando’ in Giappone dove creo’ la prima casa editrice specializzata nel pubblicare libri di Go, la Ishi Press, che verra’ poi succeduta negli anni 90 dalla Kiseido. A Tokyo divenne una persona fondamentale nel mondo dell’attivismo popolare on-line, a tal punto che divenne candidato elettorale per alcuni partiti, tra i quali il Personal Freedom Party.

Richard Bozulich (a destra) ed alcuni goisti di diverse nazionalita’

Un simile fenomeno stava prendendo piede anche tra le frange piu’ insurrezionaliste e collettiviste dell’anarchismo, sebbene ci fossero ancora numerosi richiami all’idea di Go data da Deleuze e Guattari all’interno di queste fazioni. Nella seconda metà degli anni 90 iniziarono ad apparire i primi gruppi che pensavano al Go come una metafora per teorizzare alternative liberali che incorporassero il web nei loro disegni. Ma e’ con la crisi del 2010 che le metafore strategiche basate sul Go si sono moltiplicate. Nel Novembre 2013 e’ uscito il libro “The Go’ing Insurrection”. Scritto in maniera anonima, il titolo e’ un omaggio a “The Arriving Insurrectional”, al quale deve alcuni spunti: l’idea che in politica, come nel Go, il territorio e’ un concetto relativo, ne’ spaziale ne’ naturale.
Sono 40 pagine molto interessanti, una lettura raccomandata per tutti, qualunque sia la loro ideologia. L’idea del Go come scuola, o almeno come linguaggio strategico con cui pensare diversamente a concetti come liberta’ e risoluzione dei conflitti, ha sicuramente attirato piu’ persone verso il Go che verso le idee liberali.
La verita’ e’ che il gioco del Go e’ un terreno nel quale nuove situazioni e nuovi problemi sono costantemente presentati in una maniera elegantemente intellettuale. Cercare di risolverli, di imparare, o di aumentare la propria conoscenza anche solo per il piacere di sapere, e’ senza dubbio una motivazione piu’ che valida che attrae le persone verso questa antica disciplina. Un gioco cosi astratto, che genera un tipo di conoscenza difficile da strumentalizzare. Devi essere un minimo anarchico per essere capace di incorporare il Go nella tua vita. Se ti piace perché il motore delle tue azioni e’ il desiderio di imparare, allora e’ molto probabile che non sarai mai interessato a lottare con gli altri per cose materiali. Come recita un antico detto cinese ””Nessun goista e’ una cattiva persona”.”

Strategia e tattica

Vediamo di approfondire il concetto di influenza. Detto in parole povere l’influenza e’ la “forza” che le tue pietre proiettano verso il centro e i lati. Piu’ sara’ forte, piu’ sara’ probabile fare punti in quella zona. Questo a patto di sfruttarla come si deve. Vediamo quindi i principi basilari riguardanti l’influenza.

L’influenza si usa principalmente per attaccare, quindi se l’avversario si avvicina alla nostra sfera di influenza bisogna sfruttarla nel modo corretto.

Giocando timidi ci ritroveremo schiacciati.

In questo caso siamo sovraconcentrati (troppe pietre per pochi punti) quindi abbiamo sfruttato male l’influenza. Bianco sara’ soddisfatto di cio’ e quindi noi dobbiamo impedirlo 🙂

Pinzando la pietra bianca metteremo pressione su di essa.

Stavolta Nero mette piu’ pressione alla pietra bianca, spingendola verso il suo muro. Bianco dovra’ faticare per gestire bene la situazione quindi ci possiamo ritenere soddisfatti del risultato.

Bene se hai ben chiaro questo allora il prossimo principio ti sara’ chiarissimo: gioca lontano dall’influenza avversaria. Infatti, se ci avviciniamo troppo all’influenza avversaria e il nostro avversario ha studiato bene 🙂 ci rendera’ la nostra sfrontatezza un inferno.

Abbiamo osato troppo e ora siamo un bersaglio per l’avversario.

Consapevoli di ciò accontentiamoci di stare nel nostro, di fatto se la sua influenza e’ forte vuol dire che ha speso molte delle sue mosse in quella zona e quindi meno in altre.

Se l’avversario e’ particolarmente interessato a certe zone e’ meglio lasciargliele 🙂

Infine dobbiamo occuparci dei mojo del nostro avversario. Invaderlo spesso e’ controproducente, dal momento che l’influenza avversaria e’ molto forte su entrambi i lati. Allora dobbiamo ridurlo senza osare troppo. Si opta solitamente per una riduzione “leggera” partendo dal “confine” del suo mojo.

La linea immaginaria che unisce i 2 muri definisce il confine del mojo.

E’ importante essere leggeri durante la riduzione, ricordiamoci che noi siamo in una zona di forte influenza nera e un gruppo pesante sotto attacco potrebbe portare vantaggio all’avversario. Quindi non preoccupiamoci di perdere qualcosa, se avremo ridotto il suo mojo potremmo ritenerci piu’ che soddisfatti.

Anche se perdiamo qualche pietra la riduzione e’ un successo.

Bene, i concetti base sono questi, poi ridurre nel modo appropriato richiede molto studio ed esperienza 🙂 Intanto saggiamo quello che hai imparato tu.

In che punto inizieresti l’invasione? (Nero gioca)

Il testo e gli schemi goistici di quest’opera sono distribuiti con Licenza CC BY-SA 4.0 DEED (sono state apportate alcune correzioni, inseriti alcuni link e alcune immagini sono state aggiunte o sostituite rispetto all’originale).

Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

9×9 19×19 AI alphago auguri BADUK Bologna Campionato italiano CI cina Classe A Classe B Classe C client Club clubs Congresso cultura DeepMind dgs didattica discord E.G.D. E.G.F. elezioni europa evento figcs FIGG finale Foligno foto fox Fujisawa geolocalizzazione giappone giocatore giocatori giocatrici giochi GO goquest higashkita igs ingo Italia kgs korea la civetta sul como' LeeSedol Legnano Macerata mahjong Milano mind Mindy McAdams Mirco Fanti natale NGL ogs olympiad oma online pandanet parco parma pasqua PGETC Pisa podcast primavera professionisti Radio24 Ravenna Rina roma ROMICS server SGF Smart Go Format stage storia Tappa FIGG tengen Terni Torneo treviso trieste tygem Udine Valerio Sampieri venetogo Videogame wbaduk webbrowser website WEIQI WordPress world WWW

Blitzkrieg Dangerous Pairs Divulgazione Documenti Eighty One Esordienti Eventi Extra Club For play Fujisawa Shuko Go Server Il Gladiatore Intelligenza artificiale News Newsflash Sito Web Software Stage Static The Wild Bunch Tora Tora Tora Tornei Ultime notizie dal Club di Roma