Maggio 2024
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Il Go e la quarta arte (musica) e la strategia & tattica

Undicesima puntata, 31 marzo 2014

Il Go e la quarta arte

Oggi parleremo del Go in relazione a un’arte che, a primo acchito, sembra non aver nulla a che fare con questa disciplina: la musica.

Il Go e’ da tanto tempo un gioco molto popolare nelle arti giapponesi, ma non ha mai avuto grandi connessioni con le arti occidentali. Tutto e’ cambiato negli anni 80 del 20° secolo, grazie agli sforzi del pianista americano Haskell Small. Small ha creato, infatti, una sonata basandosi su una partita giocata nella realta’. L’opera e’ stata presentata al congresso dell’associazione americana di Go nel 1988.

Nato nel 1948, Small e’ cresciuto nell’area di Washington. Sua madre era una musicista, mentre suo padre era un colonnello dell’esercito. Ha iniziato a suonare il piano a circa 7-8 anni (eta’ attorno alla quale i bambini asiatici iniziano a giocare a Go), ma finche’ non fu nella sua adolescenza non riusci’ mai a trovare insegnanti degni di questo nome.

Small imparo’ a suonare a orecchio e fino a 18 anni non sapeva neanche leggere uno spartito. A differenza di molti, crebbe suonando jazz e rock prima di dedicarsi alla musica classica. Dopo aver lasciato la sua carriera da studente di ingegneria all’universita’ di Carnegie-Mellon si trasferi’ a San Francisco, dove inizio’ ad imparare realmente a suonare dentro il conservatorio cittadino. Quando ebbe 21 anni vinse il Pittsburgh Concert Society Auditions, dopo il quale iniziò a fare tour in Europa. Ha vinto molti premi come pianista ed ha anche composto circa 3 dozzine di opere sia per piano che per altri strumenti e voci.

La passione per il Go inizio’ al college, grazie a un amico che lo introdusse in questa disciplina. Il primo rapporto tra Small e il Go non fu certo idilliaco. Dopo le prime 15-20 partite Small decise di abbandonare per un periodo lo studio del gioco, dato che non riusciva a capire alcunche’.
L’amore scoppio’ definitivamente ad un pranzo familiare, quando il suo fratellastro gli chiese se sapeva giocare a Go. Small, seppur riluttante, inizio’ a giocare con lui e da quel momento non riusci’ piu’ a fare a meno del gioco. Inizio’ a studiare molto duramente e tutti i suoi sforzi lo hanno portato ad arrivare fino al grado di 1 dan amatoriale. Come ogni altro giocatore, Small trovo’ affascinante il Go ma, come accade spesso, trovo’ alcune difficolta’ a tradurre in musica questa sua passione, tuttavia era inevitabile che prima o poi sarebbe riuscito a combinare i suoi due principali interessi.

Haskell durante la cerimonia di chiusura del nono campionato mondiale amatoriale in Beijing.

La partita che Small ha deciso di rappresentare nella sua opera e’ la numero 6 del Sanjubango giocato tra Ota Yuzo e Honinbo Shusaku nel 1853. Dopo 265 mosse la partita fini’ in jigo (pareggio). Small ha scelto di fare interpretare questa sonata a due piani, poiche’ voleva strumenti uguali, seguendo quel concetto di equilibrio tanto caro al mondo del Go. Ha scelto una partita finita in pareggio per elevare alla massima potenza l’aspetto di due rivali che diventano partner ed insieme creano una partita meravigliosa.

Small ha scritto anche una terza parte, adatta ad essere eseguita da qualcuno seduto davanti ad un computer. L’idea e’ che ad ogni nota suonata corrisponda una mossa della partita, cosi chi si trova davanti allo schermo ha il compito, semplicemente premendo un tasto, di fare andare avanti la partita su uno schermo posto dietro i due pianisti che suonano.

L’opera e’ lunga circa 10 minuti e grazie ad un ritmo incalzante puo’ essere considerata molto interessante per chiunque. L’obiettivo di Small era quello di ottenere una composizione musicale che riuscisse ad attrarre sia gli appassionati di Go sia chi non ha la benche’ minima conoscenza di questa disciplina. Secondo il compositore il Go e la musica sono molto simili. Ad esempio il movimento e il suono delle pietre si collega in maniera molto naturale al mondo della musica.

Anche i combattimenti possono essere tranquillamente riprodotti soltanto adottando una sequenza di note che riesca a creare una tensione sempre maggiore a coloro che la ascoltano.

Il famoso pezzo di Small

Possiamo quindi concludere affermando che, a differenza di come si potrebbe pensare il Go e la musica siano due mondi particolarmente affini.

Strategia e tattica

Se hai colto la citazione avrai capito che le scale non sono statiche.

A seconda della disposizione delle pietre le scale possono diventare molto arzigogolate; esistono infatti alcuni problemi su scale che percorrono tutto il goban. Ovviamente perché l’esercizio sia fatto bene è necessario leggere la scala a mente senza posizionare le pietre.

Abbiamo visto una tecnica di cattura molto comune, ma ve ne sono innumerevoli, alcune semplici altre più complicate.

Cominciamo dalla piu’ banale, il doppio atari.

Un’altra tecnica abbastanza semplice e’ l’atari in seconda linea, non facile da vedere per un principiante, al contrario e’ immediatamente riconoscibile per un giocatore più esperto.

La geta (rete nella nostra lingua), invece, e’ meno visibile e spesso sfugge anche a gli occhi dei giocatori più esperti.

La scala e’ di Bianco ma dopo 1 la pietra non ha possibilità di fuga.

E’ possibile che ci siano combinazione tra geta e scala ma molto difficilmente viceversa.

A volte invece e’ necessario il sacrificio di qualche pietra per poter catturare un gruppo. E’ il caso dello snapback. Quello che succede e’ che alimentiamo il gruppo nemico in modo da farli perdere liberta’.

Bianco cattura 1, pero’ facendolo diventare un gruppo di 3 pietre con una sola liberta’.

L’ultima tecnica che andiamo a vedere e’ l’oiotoshi (caccia e fuga in giapponese).

Avviene quando, mandando in atari un gruppo, questo si connette a un altro gruppo per non farsi catturare; con il problema non da poco che il nuovo gruppo continua ad avere una sola liberta’ 🙂

Nero da atari alle 2 pietre bianche. Se Bianco connette con A il gruppo continuera’ ad avere una sola liberta’ in B.

Ci sono poi tecniche di cattura specifiche per determinate situazioni che uno impara con l’esperienza e lo studio. Ti lascio quindi con una di queste per la prossima volta!

Nido di gru. Cattura le 3 pietre bianche.

Il testo e gli schemi goistici di quest’opera sono distribuiti con Licenza CC BY-SA 4.0 DEED (sono state apportate alcune correzioni, inseriti alcuni link e alcune immagini sono state aggiunte o sostituite rispetto all’originale).

Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

9×9 19×19 AI alphago auguri BADUK Bologna Campionato italiano CI cina Classe A Classe B Classe C client Club clubs Congresso cultura DeepMind dgs didattica discord E.G.D. E.G.F. elezioni europa evento FF[4] figcs FIGG finale Foligno foto fox Fujisawa geolocalizzazione giappone giocatore giocatori giocatrici giochi GO goquest higashkita igs ingo Italia kgs korea la civetta sul como' LeeSedol Legnano Macerata mahjong Milano mind Mindy McAdams Mirco Fanti natale NGL ogs olympiad oma online pandanet parco parma pasqua Pisa podcast primavera professionisti Radio24 Ravenna Rina roma ROMICS server SGF Smart Go Format stage storia Tappa FIGG tengen Terni Torneo treviso trieste tygem Udine Valerio Sampieri venetogo Videogame wbaduk webbrowser website WEIQI WordPress world WWW

Blitzkrieg Dangerous Pairs Divulgazione Documenti Eighty One Esordienti Eventi Extra Club For play Fujisawa Shuko Go Server Il Gladiatore Intelligenza artificiale News Newsflash Sito Web Software Stage Static The Wild Bunch Tora Tora Tora Tornei Ultime notizie dal Club di Roma