Maggio 2024
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Il goban e la strategia & tattica

Dodicesima puntata, 7 aprile 2014

Equipaggiamento da Go: il goban

Abbiamo gia’ detto che per giocare dal vivo servono un Goban ed un set di pietre. Quello che non abbiamo ancora detto e’ come questi vengono creati. Oggi scopriremo che dietro la loro costruzione c’e’ una vera e proprio arte.

Tradizionalmente, i Goban sono fatti di legno. Tuttavia, questa non e’ la caratteristica essenziale. Alcune tavole possono essere fatte semplicemente ricoprendo alcune assi di legno, precedentemente collegate tra di loro, solo con della pelle. Ai giorni nostri la tendenza sembra comunque essere rivolta verso la semplicita’ e l’austerita’. La necessita’ più importante e’ che il materiale usato sia durevole nel tempo e non si deteriori facilmente. In secondo luogo e’ importante che il colore della superficie sia chiara e che il suono fatto non appena si appoggiano le pietre sia gradevole.

I Goban piu’ prestigiosi vengono solitamente ricavati dal legno di kaya. Quest’albero giapponese ha le proprieta’ che abbiamo descritto in precedenza: e’ abbastanza morbido (quindi il suono e’ buono) e anche il suo colore chiaro e’ molto apprezzato dai giocatori. Tuttavia gli alberi di kaya sono molto rari e crescono molto lentamente, quindi i goban realizzati con questo legno sono molto costosi. Un comune sostituto e’ lo shin-kaya (letteralmente nuovo kaya) ricavato dall’abete rosso. È molto più economico tuttavia il suono della pietra su di esso e’ peggiore.

Un albero kaya di 300 anni

Il primo passo per creare un goban secondo le antiche tecniche giapponesi consiste nel costruire i supporti (zampe) su cui dovra’ stare. Dopo aver stabilito quale forma debbano avere, sapienti artigiani le intagliano, le levigano e poi le verniciano con una tinta lucida affinche’ siano dello stesso colore del goban.
Dopo aver fatto cio’, sul retro della tavola principale viene praticato un solco. In questo modo si viene a creare una cassa di risonanza che aiuta a migliorare il suono delle pietre posate sul goban.
Il passaggio più caratteristico della costruzione e’ la realizzazione delle linee del goban. Potevano un popolo epico come quello giapponese disegnare le linee con una riga o uno stampo? Ovviamente no. Per realizzare le linee di un goban si usa ovviamente una katana!
Usando dei supporti di legno per evitare lo spostamento della lama, quest’ultima, intrisa nell’inchiostro, viene poggiata con assoluta precisione e perizia sul goban per tracciarne le linee.

Un maestro artigiano disegna le linee del goban

Per noi comuni mortali esistono soluzioni piu’ economiche. Esistono infatti diverse tipologie di goban: compensato, magnetici (molto adatti per chi viaggia), pieghevoli (fatti in pelle o plastica, agilmente trasportabili) e orribili goban elettronici.
E’ anche possibile, se si ha una certa manualita’, costruirsi un goban “fatto in casa”. Si puo’ tranquillamente usare del compensato, relativamente economico e molto facile da lavorare. Si possono prendere varie tavole ed unirle assieme per creare una superficie di gioco robusta e di bell’aspetto. Se vuoi cimentarti nell’impresa ti lasciamo un video che spiega nel dettaglio come fare.

Tutorial per costruirsi un goban
Strategia e tattica

Utilizzando una combinazione tra snapback e oiotoshi e’ possibile catturare il gruppo.

E’ necessario iniziare a parlare di haengma (letteralmente movimento dei cavalli dal coreano), questa parola sta a significare il movimento dei gruppi. Potrai obiettare: “Ehi ma le pietre non si muovono!”

Gia’ ma si aggiungono ad altre, dando l’idea che il gruppo si muova in una direzione. Esistono haengma semplici, sicuri ma lenti e haengma complicati ma molto veloci.

Il nobi e’ l’haengma piu’ semplice in assoluto, seguito poi dal kosumi.

Il nobi e’ sicuro e non puo’ essere diviso. Il kosumi puo’ essere diviso se l’avversario riesce a giocare sia A che B.

Seguono l’ikken tobi e il keima, meno sicuri ma più veloci. Solitamente sono correlati a una scala, soprattutto il keima.

E’ possibile tagliare questi 2 salti ma spesso saranno protetti dalla situazione locale.

Vediamo un esempio dove il taglio viene effettuato subito nell’ikken tobi.

Ogni giocatore ha 2 gruppi ma questi hanno 4 e 5 liberta’ per nero e 4 e 3 liberta’ per bianco e tocca a nero!

Ne risulta un combattimento svantaggioso per bianco, a meno che la situazione locale non sia favorevole.

Nel keima se hai la scala non ti devi preoccupare del taglio.

E ora i salti piu’ù complicati. Se imparerai ad usarli in modo corretto avrai un grosso vantaggio sull’avversario.

Niken tobi e’ un salto leggero e dinamico, avere il taglio protetto e’ difficile ma spesso non si pretende tale privilegio.

Bianco riesce sempre a tagliare ma spesso ne risulta un combattimento svantaggioso per lui.

Sia la prima situazione che la seconda le abbiamo gia’ viste rispettivamente per l’ikken tobi e il keima. Il vantaggio dell’avversario e’ che puo’ scegliere quale delle 2 attuare.

Oogheima e’ l’evoluzione del keima. Anche qui l’avversario ha 2 scelte, questo aumenta le possibilita’ del taglio e va quindi usato con cautela.

Nel primo caso si crea una situazione simile al taglio dell’ikken tobi. Il secondo caso dipende ancora dalla scala.

L’ultimo salto che analizziamo e’ il salto dell’elefante o hazama tobi. E’ un salto molto raro e considerato brutto da molti esperti, tuttavia vi sono delle situazioni particolari dove e’ consentito

Quella simpatica pietra in mezzo mette in crisi le 2 pietre nere

Bene! Che genere di salto useresti in questa situazione?

Che salto faresti con 26?

Il testo e gli schemi goistici di quest’opera sono distribuiti con Licenza CC BY-SA 4.0 DEED (sono state apportate alcune correzioni, inseriti alcuni link e alcune immagini sono state aggiunte o sostituite rispetto all’originale).

Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

9×9 19×19 AI alphago auguri BADUK Bologna Campionato italiano CI cina Classe A Classe B Classe C client Club clubs Congresso cultura DeepMind dgs didattica discord E.G.D. E.G.F. elezioni europa evento figcs FIGG finale Foligno foto fox Fujisawa geolocalizzazione giappone giocatore giocatori giocatrici giochi GO goquest higashkita igs ingo Italia kgs korea la civetta sul como' LeeSedol Legnano Macerata mahjong Milano mind Mindy McAdams Mirco Fanti natale NGL ogs olympiad oma online pandanet parco parma pasqua PGETC Pisa podcast primavera professionisti Radio24 Ravenna Rina roma ROMICS server SGF Smart Go Format stage storia Tappa FIGG tengen Terni Torneo treviso trieste tygem Udine Valerio Sampieri venetogo Videogame wbaduk webbrowser website WEIQI WordPress world WWW

Blitzkrieg Dangerous Pairs Divulgazione Documenti Eighty One Esordienti Eventi Extra Club For play Fujisawa Shuko Go Server Il Gladiatore Intelligenza artificiale News Newsflash Sito Web Software Stage Static The Wild Bunch Tora Tora Tora Tornei Ultime notizie dal Club di Roma