Maggio 2024
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Il Go nel resto del mondo e la strategia & tattica

Sesta puntata, 24 febbraio 2014

Karibuni goisti a questa nuova lezione. Abbiamo parlato molto dell’Asia, madre del gioco, e della nostra Europa. E’ giusto spendere qualche parola anche per il Go nel resto del mondo.

Il Go nel resto del mondo

Cominciamo a parlare del Go nel nuovo continente.
A meta’ 1800 alcuni lavoratori di origine cinese, impiegati su rotte ferroviarie transcontinentali, provarono a portare il Go in nord America, ma inizialmente solo la comunita’ cino-americana si dedicava a questa disciplina. Solo nei primi anni del 900, grazie a un gruppo di matematici tedeschi fini conoscitori del Go, il gioco arrivo’ all’attenzione di tutta l’America. I meriti piu’ grandi vanno attribuiti ad Edward Lasker, forte giocatore che, assieme al cugino Emanuel Lasker (leggendario scacchista), fu il massimo sponsor del Go negli Stati Uniti.

Emanuel Lasker intento a giocare una partita di Go

Lasker, dopo aver preso lezioni da un maestro giapponese, appena arrivato a New York incontro’ alcuni giocatori nipponici in un ristorante a Greenwich e la’ nel 1914 fondo’ il New York Go club. Nello stesso anno pubblicò il libro “Il Gioco del Go”, uno dei primissimi scritti sul Go in lingua inglese. Questo manuale aiuto’ la diffusione del gioco in Canada e negli USA. A fine anni 30 Edward Lasker incontro’ a New York John Williams e i due lavorarono insieme per circa 15 anni.

Williams torno’ in Canada nel 1959 e 11 anni dopo formo’, con l’aiuto dell’Ottawa Go club, la Canadian Go association. In breve tempo molti club di Go nacquero nelle principali citta’ canadesi e americane.

E’ difficile reperire delle fonti sulle origine del Go in Australia, ma grazie al lavoro compiuto circa 10 anni fa da Neville Smythe abbiamo qualche indicazione su come il gioco sia arrivato nel continente dei canguri.

E’ probabile che per molti anni si siano giocate numerose partite tra amici, in particolar modo all’interno delle comunita’ cinesi, giapponesi e coreane che abitavano nelle maggiori citta’ australiane. Bisogna pero’ aspettare il 1970 e l’importante figura di Kurt Flatow per avere il primo vero go club a Sidney, nato come sottogruppo del Sidney chess club. Kurt imparo’ il gioco in Germania, probabilmente negli anni 30, e lo introdusse ad alcuni scacchisti suoi conoscenti. Le circa sei persone che vennero attratte da questa disciplina decisero di iniziare a giocare a Go all’interno del club di scacchi.

In pochi anni il Sidney Go club riusci’ a guadagnare un notevole numero di affiliati e il livello di gioco inizio’ pian piano a diventare sempre più elevato, soprattutto grazie all’aiuto di alcuni uomini d’affari giapponesi che spesso si ritrovavano al club per giocare. Man mano che la conoscenza del Go riusci’ a diffondersi in tutta l’Australia, non passo’ molto tempo che molti altri club videro la luce. Nel 1972 fu lo stesso Smythe, assieme ad un paio di diplomatici giapponesi e coreani, a creare il Canberra go club. Nel 1976 Bill Leveritt fondo’ il suo club a Brisbane e l’anno dopo diede il via alla fondazione della Australia Go Association. Nel 1978 nel college di St John’s College a Sidney ebbe luogo il primo campionato nazionale australiano.

Questo evento innalzo’ notevolmente il profilo del gioco in Australia, e fu il trampolino di lancio per un rapporto ancora piu’ forte tra i giocatori indigeni e tutte le comunita’ di immigranti cinesi della nazione. Numerosi professionisti sia coreani che giapponesi hanno preso parte a tutti i campionati nazionali australiani.

Ancora piu’ difficile e ricostruire la storia del Go in Africa. I paesi con una forte tradizione goistica sono essenzialmente 3 : Marocco, Sud Africa e Madagascar. Con ogni probabilita’ il gioco è stato introdotto in questi luoghi dai numerosi immigrati che vi abitano al loro interno, in special modo potremmo attribuire il merito della diffusione del go alle numerose comunita’ europee presenti.

Strategia e Tattica

Immagina di essere in una spiaggia affollata e di dover cercare un posto dove sistemarti con gli asciugamani tenendo conto che a breve ti raggiungeranno gli amici. Qual’e’ il posto che sceglierai?

A e B sono le risposte piu’ comuni.

Questo esercizio non ha una risposta esatta, il Go e’ un gioco molto complesso e stabilire quale sia la mossa migliore a questo punto del gioco e’ al di fuori della portata umana.

Tuttavia possiamo fare delle approssimazioni usando i principi usati finora. Abbiamo detto angoli, lati e centro quindi visto che c’e’ ancora potenziale sugli angoli e i lati lasciamo stare il centro. Visto che gli angoli sono più importanti dobbiamo capire qual’e’ il piu’ interessante.
In alto a destra c’e’ solo una pietra in angolo, e’ quello meno sviluppato e quindi il più appetibile, e’ come se scegliessimo tra tante spiagge la meno affollata.
Quale direzione di approccio scegliere? Qui dobbiamo vedere quanto potenziale di sviluppo c’e’ dopo. Se giocassi in O17 avrei vicino le pietre nere a sinistra quindi e’ meglio l’altra parte, adesso di questa spiaggia abbiamo scelto la zona piu’ libera. Ora dipende dai gusti, A mira a prendere o ridurre l’angolo mentre B occupa un punto strategico con diversi sviluppi.
Con A scegliamo un posto vicino al mare mentre con B dobbiamo camminare un po’ di più ma abbiamo piu’ spazio per i nostri amici. Ci sono anche altre opzioni valide che con il tempo riuscirai a vedere 🙂

Veniamo dunque ai joseki, questa parola significa letteralmente “sequenze prestabilite” e sono appunto sequenze di mosse solitamente in angolo che, a parere di professionisti, mantengono l’equilibrio del gioco. Ne esistono a migliaia e hanno anche molte sotto sequenze, nessun essere umano li conosce tutti ed essendo appunto valutazioni umane sono soggetti a cambiamenti (spesso perdendo lo status stesso di joseki). A noi non interessa impararli tutti ma di capirne l’essenza! Vediamo il joseki piu’ semplice in assoluto:

1 e’ l’approccio standard per il punto 4-4, 2 chiude parzialmente il lato creando uno sviluppo sul lato, 3 minaccia di rubare l’angolo, 4 protegge e infine 5 rafforza le pietre di Bianco.

Prima di procedere apriamo una piccola parentesi su 2 concetti molto importanti: territorio e influenza. Mentre sappiamo gia’ cos’e’ il territorio, potremmo definire l’influenza come il potenziale che hanno le pietre verso l’esterno.

Nero ha 9 punti sicuri ma l’influenza di Bianco è molto forte e probabilmente gli fara’ fare molti più punti.

Bisogna che ci sia un equita’ tra territorio e influenza. Un joseki e’ tale se il territorio e l’influenza di Nero compensa il territorio e l’influenza di Bianco.
E’ questa la cosa principale da valutare quando si fa una sequenza in angolo. Sbizzarritevi quindi a trovare nuove sequenze e vedere se e’ possibile considerarle joseki.

L’ultima cosa che diciamo sui joseki e’ che sono equi localmente. Questo vuol dire che a seconda della situazione globale alcuni joseki saranno migliori di altri.

Un compito un po’ difficile per la prossima volta:

Bianco ha invaso nero… difenditi!

Il testo e gli schemi goistici di quest’opera sono distribuiti con Licenza CC BY-SA 4.0 DEED (sono state apportate alcune correzioni, inseriti alcuni link e alcune immagini sono state aggiunte o sostituite rispetto all’originale).

Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

9×9 19×19 AI alphago auguri BADUK Bologna Campionato italiano CI cina Classe A Classe B Classe C client Club clubs Congresso cultura DeepMind dgs didattica discord E.G.D. E.G.F. elezioni europa evento figcs FIGG finale Foligno foto fox Fujisawa geolocalizzazione giappone giocatore giocatori giocatrici giochi GO goquest higashkita igs ingo Italia kgs korea la civetta sul como' LeeSedol Legnano Macerata mahjong Milano mind Mindy McAdams Mirco Fanti natale NGL ogs olympiad oma online pandanet parco parma pasqua PGETC Pisa podcast primavera professionisti Radio24 Ravenna Rina roma ROMICS server SGF Smart Go Format stage storia Tappa FIGG tengen Terni Torneo treviso trieste tygem Udine Valerio Sampieri venetogo Videogame wbaduk webbrowser website WEIQI WordPress world WWW

Blitzkrieg Dangerous Pairs Divulgazione Documenti Eighty One Esordienti Eventi Extra Club For play Fujisawa Shuko Go Server Il Gladiatore Intelligenza artificiale News Newsflash Sito Web Software Stage Static The Wild Bunch Tora Tora Tora Tornei Ultime notizie dal Club di Roma