Maggio 2024
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Le goiste e i concetti goistici

Ottava puntata, 10 marzo 2014

Oggi celebriamo (anche se con un paio di giorni di ritardo) la Festa delle Donne. Per omaggiarle dedicheremo questa puntata a loro, in particolare alle goiste.

Sebbene in molti credano che il Go sia una disciplina prettamente riservata all’universo maschile, ci sono state molte donne che hanno avuto il merito di far progredire sotto ogni punto di vista questa millenaria arte. Se andiamo a prendere ad esempio la storia cinese possiamo ritrovare numerosi aneddoti con delle goiste come protagoniste.

Una storia databile attorno al 300 d.C. ci racconta infatti che le donne della corte del periodo Jin erano solite uscire il quarto giorno dell’ottavo mese dalla porta situata a nord del palazzo per andare a giocare a Go tra i bambu’. Coloro che vincevano, secondo la tradizione, sarebbero state fortunate tutto l’anno, mentre le sconfitte avrebbero passato 12 mesi di inferno.

Dame intente nel gioco del Go

L’imperatrice Wu (625-705 d.C.) fu l’unica imperatrice di tutta la storia della Cina, ma riusci’ a ottenere quella posizione usurpando i diritti dei suoi figli, i quali sarebbero dovuti succedere al loro defunto padre.
Una sera la donna ebbe un sogno nel quale giocava numerose partite di Go senza riuscire a vincerne una. Il suo piu’ fidato consigliere, su specifica richiesta dell’imperatrice, interpreto’ il sogno e spiego’ che perdere a Go simboleggiava la futura e prematura perdita dei suoi figli, e il sogno era quindi un avvertimento dal cielo di non impedire ai propri figli di usufruire dei propri diritti naturali. L’uomo spiego’ tutto cio’ con il fatto che le parole cinesi “figlio” e “pietra di Go” sono identiche.
Wu ignoro’ il consiglio di restituire il potere ai suoi figli, ma almeno decise di mantenere in vita l’uomo.

Un’altra storia riguarda l’ufficiale Wang Jixin. Wang, miglior giocatore dell’accademia Hanlin, accompagno’ l’imperatore Xuan Zong e i suoi uomini nel pericoloso viaggio verso la cittadina di Shu. Quando sopraggiunsero le tenebre la compagnia dovette cercare riparo per la notte.
Wang venne ospitato in un’umile casa da una donna e sua figlia. Sebbene tutti fossero andati a letto, Wang non riusciva a prendere sonno e inizio’ a sentire le 2 donne che, pur abitando in parti distanti della casa e senza luce, iniziarono una partita di Go. Wang presto’ molta attenzione alle coordinate che uscivano fuori dalla bocca delle due giocatrici. Alla mossa numero 36, con estremo stupore di Wang, la piu’ giovane delle 2 donne dichiaro’ la sua sconfitta.
La mattina dopo Wang chiese informazione alle 2 sulla strana partita che aveva sentito. Le due abili giocatrici allora decisero di insegnare all’ufficiale tutti i loro segreti e cosi’, come predetto dalla donna piu’ anziana, Wang non ebbe piu’ eguali tra tutti i giocatori di Go cinesi.

Per quanto riguarda il Giappone la giocatrice piu’ importante e’ stata Hayashi Sano (1825-1901 d.C.). Nata a Edo, riusci’ ad eccellere nel Go fin da bambina e venne ben presto adottata dalla famosa famiglia Hayashi. Nel 1845 riusci’ a raggiungere il grado di 3° dan e all’eta’ di 54 anni fondo’ Hoensha, un associazione di professionisti diretta anticipatrice del Nihon Ki In.
La sua influenza sul gioco non si fermo’ qui, infatti tra i suoi pupilli possiamo annoverare le 1°dan Kita Fumiko e Hayashi Kiku. Sano fu una donna molto indipendente; una volta riusci’ addirittura a vincere una gara di bevute con alcuni amici maschi, anche se tornando a casa era cosi’ ubriaca che cadde e si ruppe ben 6 denti.

Non possiamo non menzionare Kokubu Kuni, nata nel 1849 ad Osaka e capace anche lei di raggiungere il grado di 3°dan. Un aneddoto su di lei riguarda il suo arrivo a Tokio. Appena arrivata al club della città un uomo dall’aspetto rustico decise di giocare contro di lei. Kokubu prese il bianco, il suo avversario piazzo’ 9 pietre e inizio’ a giocare come un principiante, tranne per il fatto che non mancava mai di coprire i punti più importanti. Questo fece infuriare Kokubu, la quale perse sia il proprio autocontrollo che la partita. Quando il match si concluse Kokubu venne a conoscenza che il suo avversario era Iwasaki Kenzo, noto 8°dan giapponese.

La piu’ importante figura femminile del mondo del Go nel 20° secolo e’ stata indubbiamente quella di Kita Fumiko. Tralasciando le sue pregevoli capacita’ goistiche, viene ricordata come una delle personalita’ piu’ attive per lo sviluppo della disciplina. Sulla sua storia torneremo poi in seguito, da sottolineare che sali’ agli onori della ribalta per aver sconfitto, in 3 diverse occasioni nel 1911, cinque giocatori professionisti consecutivamente. Insieme a Tsuzuki Yoneko creo’ una piattaforma per aiutare la crescita dei nuovi talenti. Oggigiorno decine di professioniste girano per il mondo aiutando la crescita e la diffusione del Go. In Italia ogni anno almeno una pro visita il nostro paese e lo aiuta a crescere goisticamente, e di questo ne siamo molto grati.

Concetti goistici

A, B, C, D ed E sono tutti gruppi deboli ma con delle differenze sostanziali.

Il gruppo A e’ intorno a una forte influenza nera ma ha una buona base quindi dovrebbe cavarsela in qualche modo. B, oltre ad essere attorno all’influenza nera, non ha la base; a meno che non sia importante salvarlo e’ meglio lasciarlo stare. C e’ di per se’ debole, ma i gruppi D ed E che lo circondano sono anche essi deboli, e quindi non avra’ grosse difficolta’. Infine D ed E sono 2 gruppi deboli senza base in mezzo all’influenza bianca, la cosa migliore per loro e’ attaccare il gruppo C e sperare di salvarsi entrambi.

Visto che le donne sono state protagoniste indiscusse di questo episodio ti spieghero’ un solo, ma importante, concetto. Sente e gote sono 2 parole giapponesi, la prima significa letteralmente “giocare prima”, la seconda “mossa successiva”. In concreto chi ha il sente ha l’iniziativa di gioco, ovvero e’ il suo turno di decidere sul da farsi. Finche’ l’avversario sara’ costretto a rispondere alle sue mosse il giocatore avra’ il sente. Gote ovviamente e’ l’opposto. Se una mossa avversaria ti costringe a rispondere, la tua mossa sara’ gote ma anche quando, una volta preso il sente, farai una mossa gote, restituirai il sente all’avversario.

1 è sente altrimenti il gruppo bianco muore. 3 invece è gote, ed ora il sente passa al bianco

E’ importante sottolineare che non e’ assolutamente sbagliato fare mosse gote.
Spesso una mossa gote sara’ piu’ grande di qualsiasi mossa sente, anche se capirlo e’ molto complicato. Provero’ a spiegartelo con questo esempio:

Nero 1 e’ gote ma e’ molto grande, minaccia di fare molti punti sul lato, aiuta il gruppo nero in alto e minaccia il gruppo bianco in angolo. Altre mosse teoricamente sente come A potrebbero essere ignorate da bianco che ne approfitterebbe per fare qualcosa nelle vicinanze di 1.

Anche per oggi e’ tutto la prossima volta tenetevi pronti che dovremo fronteggiare pericolosissimi gruppi zombie!

Chi cattura chi? (tocca a nero)

Il testo e gli schemi goistici di quest’opera sono distribuiti con Licenza CC BY-SA 4.0 DEED (sono state apportate alcune correzioni, inseriti alcuni link e alcune immagini sono state aggiunte o sostituite rispetto all’originale).

Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

9×9 19×19 AI alphago auguri BADUK Bologna Campionato italiano CI cina Classe A Classe B Classe C client Club clubs Congresso cultura DeepMind dgs didattica discord E.G.D. E.G.F. elezioni europa evento figcs FIGG finale Foligno foto fox Fujisawa geolocalizzazione giappone giocatore giocatori giocatrici giochi GO goquest higashkita igs ingo Italia kgs korea la civetta sul como' LeeSedol Legnano Macerata mahjong Milano mind Mindy McAdams Mirco Fanti natale NGL ogs olympiad oma online pandanet parco parma pasqua PGETC Pisa podcast primavera professionisti Radio24 Ravenna Rina roma ROMICS server SGF Smart Go Format stage storia Tappa FIGG tengen Terni Torneo treviso trieste tygem Udine Valerio Sampieri venetogo Videogame wbaduk webbrowser website WEIQI WordPress world WWW

Blitzkrieg Dangerous Pairs Divulgazione Documenti Eighty One Esordienti Eventi Extra Club For play Fujisawa Shuko Go Server Il Gladiatore Intelligenza artificiale News Newsflash Sito Web Software Stage Static The Wild Bunch Tora Tora Tora Tornei Ultime notizie dal Club di Roma